martedì 13 gennaio 2015

Buonanotte



a chi lotta nel buio
contro il mostro che ha dentro
e ha capito in un solo momento
com'è dura la solitudine a volte


Nella notte si accendono i pensieri impercettibili.

Quelli che si insinuano credendo tu stia dormendo.

Quelli che hanno la spocchia del non esistere.

Quelli che si nascondono nel buio e che si raggomitolano mentre passa scivolando la luce della ronda.

Nella notte si accendono i ricordi rimossi.

Quelli che tanto quando ne parli con chi c'era o con chi non c’era è come se raccontassi una storia inventata.

Quelli che se son rimasti latenti un motivo ci sarà.

Ma non sai quale.

Quelli che quando salgono su capisci le sfumature che ti eri perso.

Le illusioni che pensavi reali.

Vive.

Nella notte si accendono le lampadine delle idee.

Quelle che tanto appena sveglio hai già dimenticato.

Quelle che ti servono a far partire i sogni.

Quelle che tanto non fanno luce e non disturbano nessuno.

Nella notte guardi se ci sono spiragli di luce che non fanno ombra.

Nella notte è il buio a dar risalto a quello che c'è nel punto dietro al quale parte il cono d'ombra.

Quando si fa notte speri che tutti quei pensieri e tutte quelle sensazioni non siano ostacolo.

Buonanotte.


Buonanotte
perché dopo questa notte
verrà di nuovo il sole



Per aria Buonanotte – Riccardo Sinigallia

3 commenti:

  1. La notte è un posto che funziona meglio di uno specchio quando ti ci specchi.
    Ma tu ci pensi mai alla qualità della solitudine? Io spesso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io penso alle sfaccettature della solitudine...
      cambia?

      Elimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto