martedì 16 dicembre 2014

Se e per quando le potranno ascoltare



Noi ci pensiamo.

Perché siamo fatti per accogliere.   

E per respingere.

Noi pensiamo ad altro.

Perché siamo fatti per non capire.

E per non cogliere.

Noi siamo il tutto.

Siamo il nulla.

Siamo ogni sfumatura nel mezzo tra il tutto e il nulla.

Noi abbiamo momenti di attaccamento

E momenti di stacco.

Moriamo dentro.

Gioiamo.

Abbiamo a cuore.

E odiamo con tutta la forza.

E poi abbiamo memoria.

E la memoria sa essere invincibile e bastarda.

E la memoria sa andare via, nascondersi per miliardi di minuti e tornare con forza.

E la memoria ci fa piangere e sorridere e stare male e stare bene.

Noi abbiamo affrontato tempeste.

Ci siamo rifocillati su acque piatte e calme.

E abbiamo incontrato persone.

Che ci hanno amato.

Che abbiamo amato.

Che ci hanno rispettato per quel poco che avevamo dentro.

Che abbiamo rispettato.

Che abbiamo odiato.

Che ci hanno maledetti.

Che abbiamo dimenticato.

Che ci hanno messo via.

Che vanno.

Che tornano.

Che non tornano più.

Che guardiamo passare.

Che ci guardano senza che noi sappiamo.

Ci sono persone che portiamo dentro e che non vedremo mai più.

Persone alle quali lasciamo pensieri sparsi per la strada.

Persone alle quali scriviamo canzoni...

... se e per quando le potranno ascoltare.

Noi ci pensiamo.

Anche se il pensiero resta a battere dentro.

Anche se resterà sconosciuto.

Noi ci pensiamo.

E sarebbe bello se un giorno passando vicino quel pensiero venisse colto, raggiungesse il punto centrale dell’universo e tornasse purificato.

A consolare.

“E se le piacerà sarà una cosa
che non si può dimenticare
come le parole più violente
quando ci vengono a cercare
suoneremo la canzone anche fuori
la più facile da ricordare
suoneremo una canzone per Fede
per quando la potrà ascoltare...”

Per aria Una canzone per Fede – Riccardo Sinigallia


2 commenti:

  1. non so più che siamo fatti per non capire credo che il più delle volte non vogliamo, bella la frase "Siamo ogni sfumatura nel mezzo tra il tutto e il nulla."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eppure ci sono momenti in cui è proprio difficile...
      e forse quel non volere, se proprio vogliamo considerarlo, è paura fottuta di voler capire...

      Elimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto