mercoledì 19 febbraio 2014

Non so proprio ndo mette le mano...


“Era una caldissima giornata di luglio. Il Riccetto che doveva farsi la prima comunione e la cresima, s'era alzato già alle cinque; ma mentre scendeva giù per via Donna Olimpia coi calzoni lunghi grigi e la camicetta bianca, piuttosto che un comunicando o un soldato di Gesù pareva un pischello quando se ne va acchittato pei lungoteveri a rimorchiare”
(da Ragazzi di Vita – Pier Paolo Pasolini)


Bene!

Adesso che ho mandato via tutti...

Pensieri compresi...

Posso finalmente dedicarmi alla ricerca...

Devo trovarlo assolutamente... E nelle prossime due ore...

Poi... Poi manco ce voglio pensà...

Al lavoro!

Intanto cercherò di essere il più possibile scientifico...

Comincio dal basso...

Dal basso a destra...

E poi via!

A salire... Verso sinistra...

Aspè!

Però...

Se io non l'avessi perso?

Magari qualcuno l'ha preso...

O... Magari è volato via... Da solo...

Impossibile?

Diceva sempre il vecchio Pietro di cominciare dalle cose impossibili quando sei alla ricerca di qualcosa...

Lo ricordo benissimo...

"Se cominci con le cose semplici, poi ti perdi d'animo... E magari ti perdi anche qualche volo della mente che potrebbe essere piacevole..."

Ok!

Comincio pensando che sia voluto andare via da me...

Perché l'avrà fatto?

Forse perché l'avevo messo un po' da parte...

Si sarà offeso?

Oh magari non si trovava bene in mezzo a quel libro o dentro a quel cassetto...

Cosa si fa quando non sei riuscito a trattenere a te qualcosa o qualcuno?

La si piange? Perché tanto ormai...

Oppure...

Oppure la si aspetta...

Oppure la si supplica...

Oppure si fa in modo di sostituirla?

E se fosse impossibile?

Che casino...

Non so più ndo sbatte la capoccia!

E di passare alle cose possibili manco mi va...

---

A cì! Già te sei fermato? Du' palle hai fatto! E nun me rompete li cojoni che lo devo da trovà... E mo stai la a sede come a un vecchio stanco?

Non so proprio ndo mette le mano...

Te ricordi quando t'eri perso la ciavatta?

Nun era 'na ciavatta qualsiasi... Era l'infradito dell'India!

Si si ... niente da dì... Solo che...

Solo che?

Ma nun te ricordi? L'avevi messa via pe' paura si perdesse...

Zitto! Zittozittozittozitto!!

Sei popo l'urtimo dei miei cani!!!

Ma poesse che la paura de rovina qualcheccosa deve fa in modo che te dimentichi che...

No No! Sei popo te che sei un coglione... Continua a girà co' quer capoccione... Vedi che vai a a finì dentr'a 'no strapiombo!

A sto giro la biretta te la sei meritata!

Si vabbè!  Ma mo rimettilo a posto sto coso che va a finì che te l'ariperdi!

Ah già!

Allora sta biretta?

Eddaje!

- - -


In fondo basta poco per non essere inghiottiti così come basta poco per restare completamente assorbiti ed invasi.

Forse è la paura.

Bisognerebbe abbatterla.

Facile a dirsi.

Ma quando ne sei invaso la testa si fa avvolgere e contamina tutto il corpo e tutta l’anima.

E la gente non lo sa.

La gente pensa che Riccetto va a rimorchià proprio l’unico giorno in cui deve lassà perde per cause di forza maggiore.




La gente pensa che quando t’aritrovi là sopra poi respirà e godette l’immenso.

Mica pensa che te pijeno le vertigini e pensi solo a come cazzo fa pe’ nun scatafasciatte de sotto.

Mica pensa che svenneresti l'anima ar diavolo pur de sarvatte 'r culo...

No no!

Nun ce pensa, anzi...

Nun vede l'ora de mettese in salvo pe' evità de guardà che fai er chioppo finale.



If God is who you fear
Then slowly disappear
Into the red cloud
He'll swallow your soul

Per aria - Red Cloud Erik Truffaz (feat. Ed Harcourt)

Un sentito ringraziamento a Marie Cosmo per avermi donato la fotografia inserita in questo post.

Nessun commento:

Posta un commento

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto