mercoledì 29 gennaio 2014

Sensazione di dubbio


Si potrebbe anche tentare un approccio diverso.

Vedere se cambiando qualche passaggio intermedio poi, alla fine, qualcosa migliori.

E questo è il modo di porsi di chi usa la testa sempre e comunque.

...Che poi tocca pure sapere dove si vuole arrivare sennò è inutile che studi mosse e contromosse.

Ma sarà che sta storia di chiudere i bilanci, fare feed-back, controllare e correggere sia una mera presa per il culo?

Ma chi è che muove i fili?

Ma davvero la vita è una linea che parte da zero (quando nasci), che ogni tanto si spezza (quando soffri), che a volte si fa cicciotta (quando sei felice) e che poi finisce in chissà quale fottuto oblìo?

Ma come cazzo è possibile che io non vedo una linea ma una serie di puntini messi a cazzo di cane su un foglio?

E come uno che zompetta sui sassi per passare un torrente, tira su i pantaloni tenendoli con un pizzico sopra la coscia, si fa schizzare acqua gelata in faccia per sentirsi vivo e...

A regà! Se poi casco amen.

Magari qualcuno pronto con un cucchiaino per raccogliermi lo trovo.

Ma pure su questo una certa sensazione di dubbio mi permea.


Per aria Sense of doubt - David Bowie


4 commenti:

  1. Mi piace la tua rabbia... Come riesci ad esprimerla senza ferire, mettendo li spunti mai banali e sempre profondi... Mi hai fatto sorridere e insieme riflettere, come spesso succede quando vengo qui... Bellissima l'immagine dello zompettare da un sasso all'altro tirando su i pantaloni per non farli bagnare ma nello stesso tempo volendo sentire il freddo dell'acqua sella faccia...
    Credo che la linea continua non esista sai? Esiste solo nelle teste di chi ha bisogno di vederla...la realtà è altro.
    Un abbraccio e un po' di acqua che spruzza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un modo come un altro per dire cose che arrivano cercando di legar loro ad un capo un palloncino gonfiato ad elio...
      ci si prova...
      ...grazie

      Elimina
  2. Se caschi hai gambe abbastanza forti. Non faranno a tempo a raccoglierti Giuseppe che sarai già in piedi. La forza ci arriva tutta quando serve, siamo leoni all'occorrenza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Saretta...
      certe volte quando stai la là per precipitare non fa male pensare di avere a portata, almeno di vista, una mano pronta a raccogliere i cocci. Bacio

      Elimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto