domenica 29 settembre 2013

L'anima de li Mortacci mia!

"Mia cuggina la Todrara che conosce tanta ggente
dice: "Li cantanti morti nun so' mmorti veramente"

Aho qua stavi?

Oh...

Ma dimme te questo...

Che voi?

Niente niente... Nun comincià a esse aggressivo...

Io aggressivo?

Pari un sorcio incollato a 'na lastra de compensato...

...

Te divincoli disperato colla capoccia ma non poi move nient'altro...

...

E co' quell'occhietti strabuzzati sembri implorà "FINITEMEEEEEE!"

...

Che c'hai nun parli?

Me stavo a godè lo show der cazzaro...

Daje stacce...

Dimme un po' 'na cosa...

So tutto recchie...

Come hai fatto a trovamme?

Da la puzza...

Se sente così forte?

Talmente forte da entratte ne le viscere e falle sentì sbudellate...

Sai qual è la cosa grave?

No...

Nun esiste sapone ar monno capace de sterminalla...

Però c'eri quasi riuscito...

A fa che?

A famme uscì da te... A lasciamme a vagà... A famme capì come ce se sente quanno...

...

Me l'avevano raccontato altre anime in pena... Ma nun ce credevo...

...

E' stata 'na sensazione brutta...

...

Voi parlà... Ma come cazzo hai fatto? Ma come ce se sente senz'anima?

Sai quando te dicono "butta fuori tutto... liberate..."?

Si... Cazzate...

Io c'ho voluto provà...

Tacci tua! Me so ritrovato a sbatte da 'na parte all'altra senza capì ndo stavo e chi ero... Nun se fa lo sai?

...

Pensavo fossi morto...

Pensa quanno moro davero...

...

T'ho fatto fa le prove de trasformazione...

De che?

De l'anima de li mortacci mia!

Ma vedi de falla finita va...

E mo?

E mo Lazzaro arzete e cammina...

Biretta?

Daje!
Per aria Li Mortacci - Elio e le Storie Tese


Nessun commento:

Posta un commento

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto