venerdì 2 agosto 2013

Salti nell'aria

Forse non basta camminare...

E forse non basta più neanche correre...

Il movimento, per quanto utile e necessario, ha bisogno di qualcosa di più...

Sicuramente ha bisogno di grande attenzione...

Di quella prontezza capace di far volgere lo sguardo a destra e a manca per non perdersi il panorama ai nostri fianchi...

Ma non basta ancora...

Forse ogni tanto occorre fare dietro front se qualche particolare è entrato in uno dei nostri sensi uscendo da un altro...

Uno di quei ritorni sui nostri passi che, incuranti, del nostro maledetto orgoglio ci lascino godere dei benefici di una onorevole e salutare retrocessione...

Però ancora non sono soddisfatto...

C'è sempre quella strana sensazione...

Quella che si ha la mattina quando metti in moto la macchina...

Quella che sembra sempre che hai dimenticato qualcosa...

Ricomincio.

Cammino.

Corro.

Guardo tutte le cose come se fossere uniche.

Incamero.

Lecco gli odori per farli più miei.

Sorrido.

Piango.

Urlo.

Mi chiudo.

Torno indietro.

Stringo mani.

Guardo negli occhi.

Bacio.

Abbraccio.

E poi riparto ancora.

Lento e veloce.

E poi?

Cosa manca?

E poi guardo in sù...

Cazzo quanto sono piccolo...

E quante cose perdo comunque.

Devo alzarmi.

Almeno un po' ogni tanto.

Cammino.

Corro.

E poi salto!

Avete presente il saltellare del bambino felice?

Quello con l'appoggio sul posteriore del piede che sta indietro e il passo sulla punta di quello che sta davanti?

Potete capire quante cose è possibile infilare in saccoccia rubando al mondo 20 centimetri in più ogni tanto?

E adesso che tutto è compiuto si può andare...

Fischiettando...

"...e andrai dove gli altri pensano che non ci sia niente"


Per aria Salti nell'Aria - Cristina Donà

1 commento:

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto