venerdì 31 maggio 2013

Ce vederà chi c'ha l'occhioni sani...

"A Sora Rosa me ne vado via,
c'ho 'r core a pezzi pe’lla vergogna,
de questa terra che nun m’aiuta mai
de questa gente che te sputa 'n faccia,
che nun ha mai preso 'na farce 'n mano,
che se distingue pe 'na cravatta."
...Che poi te scatta dentro la voja de lassà perde...
D'arrendete...
D'arzà le mano e diglie "Abbasta! Avete Vinto!"
De sperà d'avecce la fortuna de potè mendicà un passaggio verso 'n'antro posto ar monno...
O magari anche fori dar monno...
O all'altro monno!
Ma sì... Sti gran cazzi!
Basta che sia lontano da qua!
Ma a me, me sa che a loro nun gl'abbasta...
Loro vonno camminatte sopra...
Pure quanno sei morto...
Chissà?
Forse pe' 'r gusto de godessela sta posizione de primazia...
O perchè c'hanno paura...?
Ha' visto mai?
Magari c'hanno paura che nun possa durà pe' sempre...
...E allora fanno piove sur bagnato...
Che nun sia mai se dovesse asciugà tutto...
Ma io mo me domanno...
Ma po' mette paura 'na speranza?
Po' mette paura la speranza de chi pensa solo de sta sereno...
E che nun lo vole fa sulle spalle de qualcun altro...
Che vole sta sulle sua e basta!
Possibile che dovemo sempre pensà che ce vole la morte mia pe' fa la vita tua?
Possibile che me devi sparà pe' forza pe' garantì utili all'industria der ferro?
Ma io dico...
Nun te la poi ficcà dentr' ar culo quà pistola...
Che io te l'assicuro...
Ma sai quanto godresti assai assai de più!?
"Sai che ti dico, io mo’ me butto ar fiume,
così finisco de campà sta vita
che a poco a poco m’ha ‘succato l’occhi
più delle pene de stana immortale.

Annamo via, tenemose pe’mano,
c’è solo questo de vero pe’chi spera,
che forse un giorno chi magna troppo adesso
possa sputà le ossa che so’ sante"
Per aria Sora Rosa - Antonello Venditti & Francesco De Gregori


Nessun commento:

Posta un commento

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto