giovedì 11 aprile 2013

Il tempo passa solo quando le cose che vivi so belle...

C'era un tempo in cui scrivevo questo...

Più di tre anni fa...

Ma se lo avessi scritto oggi...

Ve ne sareste resi conto?

Il tempo sembra non essere mai passato...

Eppure se semo fatti più vecchi...

...e soprattutto più tristi...

Andiamo a copiare...

...e ad incollare...

Buona lettura.

Tandoori


venerdì, 02 gennaio 2009, ore 10:17


Dice che la crisi va affrontata di petto!

Con entusiasmo...

Dice che va presa come stimolo per ricominciare...

Per ripartire...

Dice che potrebbe essere una benedizione...

Se solo si cominciasse a spendere e spandere senza paura...

Eppure c'è qualcosa che non torna...

La sensazione è che a gettare vernice bianca su un foglio nero quel nero risalti ancora di più...

Sotto le feste poi gli altarini si denudano alla grande...

E per colpa di quella informazione di regime che ancora pensa che la gente sia ottusa come è ottusa lei...

E li tana di brutto!

Perchè quelli che parlano di rilancio dell'economia li troviamo intervistati da Miami o dal Sestriere o da Dubai...

E chi c'ha quel cazzo di torrone gommoso incastrato tra i denti cariati lo nota...

...E si sente preso per il culo!

E la sensazione di essere finiti nel terzo mondo, dove quel fottuto gap, quella cazzo di forbice, tra il ricco e il povero è talmente allargata da sembrare una linea retta affilata su cui camminare scalzi, è sorprendentemente forte...

Dice che ci vogliono le palle...

Che bisogna rischiare...

DIce che i desideri vanno soddisfatti quando si hanno...

A costo di chiedere un mutuo per un caffè dopo pranzo...

Anche se certe volte si evita di mangiare per evitare di cacare...

E si va a dormire per spegnere prima la luce...

Ma a chi fa Natale a Rio che gliene frega?

Loro i cinema li riempiono lo stesso...

Di povera gente che fa tenerezza solo a guardarla...

Con quei sette euro (sette!) in mano...

...Che sembra urlare, chinata a 90 gradi... "Com'è buono lei"

E ridatecelo Fantozzi che almeno stava peggio di ognuno di noi...

E ci faceva sentire dei fichi...

...Che mica ci saremo messi in testa di essere tutti figli di De Sica da poterci permettere certi sfizi?

E adesso tutti a letto presto che la luce costa!

Per aria Ninetta Nanna - Daniele Silvestri

1 commento:

  1. E' triste ritrovarsi allo stesso punto, con identico stato d'animo e la beffa del tempo che aggiunge stanchezza alle spalle stanche,amarezza ai pensieri amari...
    Il tempo purtroppo passa veloce "anche" sulle cose belle che viviamo, e sono le tracce di queste che dobbiamo provare a trattenere in noi, sono quelle che impercettibilmente ci cambiano lo sguardo, e non ci permettono di assuefarci al peggio ma spingono a desiderare (lottare) per un raggio di sole,anche unico, e a meritarlo.

    RispondiElimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto