martedì 5 febbraio 2013

Compra dei giacinti per nutrire la tua anima

Scrissi questo post il primo luglio del 2010.
Mi è tornato sotto gli occhi proprio oggi...
Come un miracolo...
Come se non fosse passato neanche un nano secondo...
Come se la vita avesse deciso di riportare indietro i miei pensieri e le mie inquietudini...

 - - -

"Se hai due pezzi di pane,
Danne uno ai poveri,
Vendi l'altro,
E compra dei giacinti
per nutrire la tua anima"

(Poesia indù)


Chissà che non sia dentro un cambio di destinazione d'uso la risposta...

Chissà se è nascosta in un pensiero obliquo...

Chissà se la rivoluzione non sia altro che un gioco di metafore...

Un assoluto bisogno di rendere inquieto il respiro...

La sensazione di ribaltare la gravità...

Sospensioni...

...

Sei un pazzo!

Mangia!

Saziati e...

E se avanza qualcosa mettila da parte...

Potrebbe servirti...

Cosa ne sai del domani?

Delle pene che si porta nel fagotto?

Se salti sicuramente cadrai...

Se salti l'unica cosa a cui dovrai pensare è ammortizzare...

Altro che storie...

Altro che sospensioni...

...

E all'anima mia chi ci penserà?

Al mio sorriso perso nel nulla...

Io ho paura...

Ho paura della commiserazione del misero...

Ho paura per il mio spirito impoverito...

Della mia pancia piena che impedisce il volo...

Ho bisogno della libertà di un abbraccio...

Ho bisogno si sentirmi vivo nel vuoto...

In completa sospensione...

...

Quanti giacinti per un pezzo di pane?

Saranno sufficienti a nutrire la mia anima?

Sarò in grado di toglierle l'inappetenza a cui l'ho abituata?

E questi affanni?

Daranno fiato alle sue ali?

E l'equilibrio del volo renderà perfetta la sospensione?

- - -

"Un giovane volontario europeo passò allora tra i letti reggendo una catinella. Madre Teresa lo chiamò. Gli additò il morente. <<Amalo>> gli ingiunse. <<Amalo con tutte le forze>>. Consegnò al giovane le sue pinze e le bende, e si allontanò guidando Paul Lambert verso uno spazio vuoto tra la corsia degli uomini e quella delle donne dove c'erano un tavolo e un banco. Al muro era appeso un testo incorniciato. Era una poesia indù. Lambert la lesse ad alta voce:

Se hai due pezzi di pane,
Danne uno ai poveri,
Vendi l'altro,
E compra dei giacinti
per nutrire la tua anima"

(giusto un pezzettino della Città della Gioia)
- - -

Riprendere tra le mani la città della gioia di Lapierre dopo aver messo i piedi, le mani, gli occhi e... chi lo sa? l'anima in quegli stessi posti mi sta squartando i pensieri...
Questo post e la canzone che gli gira sotto è dedicato a quell'uomo steso che non aveva più neanche la forza di mangiare e che, per farmi felice, si è lasciato mettere in bocca un pezzetto di cocomero. Questo post è dedicato a quell'uomo che viene a trovarmi spesso nei miei sogni.
Questo post è dedicato a quell'uomo che ha cercato d iinsegnarmi quale sia la vera ricchezza senza parlare...
Questo post è dedicato a quell'uomo di Prem Dan... Così...


Si, lo so che ogni vita deve finire
E così adesso ci sediamo insieme
ma poi dobbiamo andare
Sono fortunato
perchè posso contare sulle mie forze
alcuni possono contare sull’aiuto di qualcuno
altri invece non possono contare su nessuno
Resta con me
E prendiamo fiato insieme


Per aria Just a Breathe - Pearl Jam

Nessun commento:

Posta un commento

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto