mercoledì 9 gennaio 2013

Dissolvenze

"sii un figlio del mondo
prima che affondiamo tutti"

C'è uno strano senso  di dissociazione...

Come se fosse fondamentale per sopravvivere rendersi avulsi dalla realtà...

Come se quel senso di appartenenza a qualcosa ci levasse le forze vitali...

Siamo perennemente in fuga...

In una sorta di vita parallela e privilegiata...

Elevati a guardare sotto...

A criticare quello che succede sotto...

A distruggere con le parole e le smorfie della faccia quello che succede sotto...

Distaccati e distruttivi...
"uova incrinate, uccelli morti
urlano mentre lottano per la vita
sento la morte, vedo i suoi minuscoli occhi
queste cose matureranno
queste cose ingoieremo intere un giorno"

La cosa facile è uscire e lasciare a se stesso il mondo che ci aveva accolto...

La cosa facile è fottersene di tutto e di tutti...

La cosa facile è voltare le spalle...

La cosa facile è lasciare nel silenzio un urlo...

La cosa facile è arrendersi a quella che la nostra essenza vigliacca considera non più degno di noi...

La cosa facile è lasciarsi marcire nell'orgoglio dell'individuo in esilio...

Cosa resterà?

Chi resterà?

Avremo la seconda possibilità di controllare il domani in assenza di noi?

E la soddisfazione del cammino?

Dove la cercheremo?

E con chi?
"immergi la tua anima nell’amore"

Quante volte una frase buttata là sconnessa è rimasta latente da qualche parte di noi...

...E quante volte è tornata su a scuoterci...

A buttarci giù dai nostri piedistalli frangibili?

Quante volte quella che avremmo considerato una panzata dolorosa si è trasformata in un avvitamento lieve da delfino...

...a farci benedire il ritorno?


In questa foto le dissolvenze viste da
 Enikő Lőrinczi
che ringrazio di cuore
Vi invito a passarla a trovare nella sua bella casa al seguente link

Per aria Street Spirit (Fade Out) - Radiohead

1 commento:

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto