lunedì 10 settembre 2012

Nel silenzio

Nel silenzio prendo forma...

... e sento battere dentro...

Riesco a chiudere gli occhi e a fermare il tempo...

... che scocca ignorato...

La sospensione dell'attesa di un'alba nuova...

...o la stessa rinnovata...

Mentre mi ripeto parole che non sento mie...

... svuotate di senso proprio...

Nel silenzio mi smaterializzo...

... mentre il polso scema...

Pronto a ripartire ma pigro nell'afflato...

"E' da qui che poi si parte,
Qui, dove le onde possono avere al massimo dei contorni e mai gli stessi,
Qui, dove la notte sono i racconti dei pescatori a portarsela via,
Insieme alle luci e alle strombazzate della strada dei semafori"

Per aria Camera con Vista sul Ritorno - Cappello a Cilindro

3 commenti:

  1. eccomi sono l'alba sono arrivata :)

    torno seria
    "Ci sono silenzi che chiedono di essere ascoltati..." a volte le parole che vi errano ci sono sconosciute, o estranee, succede come quando dice il testo di una canzone "Le parole non mi conoscono" non riescono ad esprimere quel che abbiamo dentro, e allora devi acuire un po' i sensi per decriptarle, perché la chiave è quasi sempre in nostro possesso, perché
    nel silenzio, ci si smaterializza e ricompone

    RispondiElimina
  2. ..ma che ti si dovesse ritrovare passando per fb... chi l'avrebbe mai detto... ma allora a qualcosa serve!!
    un abbraccio..

    m.

    RispondiElimina
  3. E' da qui che si ri-parte. Mai ho conosciuto ri-partenza poco faticosa. Sarà perchè cpl tempo le valigie ogni volta diventano sempre più pesanti. Forse lo scopo è quello di rallentare la corsa, affinchè ad ogni passo si possa pensare, non solo sentire. Bello ri-trovarti.

    RispondiElimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto