martedì 5 giugno 2012

Inutile stacce a girà intorno...

Andare incontro...
Supponiamo un cammino verso qualcosa...
Supponiamo che quel qualcosa sia importante...
L'importanza di quel punto di arrivo rende importante il punto di partenza...
...E rende importante il cammino.
La misurazione dell'importanza.
Per fortuna non esiste un bilancino per le emozioni.
Noi possiamo supporre importante un momento ma non possiamo quantificarla questa importanza.
E' il ricordo che portiamo dentro a dare peso.
Insomma se ti dimentichi il prima il durante e il dopo con estrema facilità vuol dire che hai caricato di aspettative qualcosa che non le meritava....
Se invece lo porti dentro al cuore forever significa che quello era proprio un momento grosso e grasso.
Bello o brutto. Routine o Straordinarietà.
Il cammino verso l'impatto avrà forma e sostanza diverse.
Lo zompettamento verso qualcosa di bello...
Lo strascinamento verso qualcosa di "che palle sempre la stessa pappa"...
Lo svaccamento verso qualcosa di pesante e duro...
...Che poi io penso che spesso finchè non ce vai a sbatte contro qualcosa tutti i trip che ti fai muovendo verso siano semplicemente un modo per dare importanza al tempo che passa...
Io quando andavo a scuola senza aver studiato soffrivo sempre in maniera forte e chiara, anche se era routine...
...Ma ci voleva un attimo per trasformare la sofferenza in gioia nel momento in cui...
Aho!
'Na bambina che ce piaceva in quarta elementare ce l'avemo avuta tutti no?
 
Per aria Amore Mio Infinito - Bugo

2 commenti:

  1. Grazie... di cuore... e che piova tanto polline...

    P.S. Le tue parole non possono restare solo un commento...

    RispondiElimina
  2. Routine e straordinarietà.
    Il fatto che abbiamo ridotto la vita a un abitudinario sopravvivere ha tolto la naturale inclinazione a cogliere lo straordinario che è presente nel "cuore" dell'ordinario.
    E' proprio il cuore a salvarci, a far guizzare pennellate di meraviglia e colore sul fondo grigionero dei pensieri o delle azioni.
    La bambina di quarta elementare è l'emozione che non dobbiamo soffocare, la gioia di qualcosa di caldo e semplicemente "bello" che non dobbiamo smettere di saper trovare e cercare.A qualunque età, qualunque viottolo andiamo percorrendo.
    E poi volersi bene... questo è tanto d'aiuto, inutile stacce a girà intorno:-)
    Ciao!

    RispondiElimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto