venerdì 18 maggio 2012

Scorrere

E' un passaggio strano...

Di quelli che senti essere fondamentali per proseguire il cammino, ma che non vedi l'ora che passi...

Il problema è nella pancia...

Ogni pensiero va a finire là...

Inesorabilmente e senza sapere se il cuore e il cervello ne siano stati messi a conoscenza...

Ed è per questo che faccio una fatica immonda a raccontare.

Non che io ne sia obbligato...

Ma...

In realtà ho un estremo bisogno di appuntare gli attimi.

La dimenticanza è una brutta malattia che non ti permette di assaporare la costruzione delle cose...

E non vorrei trovarmi nelle condizioni di chi mette tegole senza sapere se ci sono fondamenta sicure sotto i propri piedi.

Si...

Sto girando attorno alla cosa...

Un po' come Paperino quando è in difficoltà su una scelta...

Ma almeno lui è di fronte ad una scelta...

Io non lo so...

So solo che detesto lasciar sfumare le ore senza che me ne accorga...

So solo che detesto addormentarmi senza che io abbia deciso di farlo...

So solo che...

E' un peccato trascinarsi nell'ignoranza del tempo che scorre...

3 commenti:

  1. è quella voglia di vivere che ti brucia dentro...

    RispondiElimina
  2. "E' un peccato trascinarsi nell'ignoranza del tempo che scorre..." bella serie di parole, direi che già la consapevolezza di questo ha un suo significato, no?!

    E' una sensazione che conosco, o almeno, le tue parole mi riportano ad un vissuto "mio"..

    RispondiElimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto