lunedì 16 aprile 2012

La Mia Scrittura

La mia scrittura è bastarda...

Non ha origini certe e mai avrà discendenza...

La mia scrittura è come un campo di patate...

Ha buche profindissime e zolle rialzate e quella poca erba verde le cresce sopra senza seguire regole...

La mia scrittura quando si posa su un foglio di carta muore strappata o appallottolata...

Sembra se ne infischi dei posteri...

Sembra aver vergogna degli occhi e delle mani che la fanno sua...

La mia scrittura detesta le raccolte e le contaminazioni...

Fuoriesce così com'è e rigetta le correzioni e gli ampliamenti...

La mia scrittura è uno zombie...

Sempre sul punto di estinguersi, sempre lenta e col fiatone, sempre senza un domani a cui pensare...

La mia scrittura ama i ricordi, i sogni, le cose che potrebbero essere, o meglio, che sarebbero potuto essere...

...Che poi le cose che ci sono le puoi vivere, toccare con mano...

La mia scrittura ama raccontare le emozioni e assai poco i motivi che le hanno fatte nascere...

E se ne frega delle domande di chi è curioso di quella curiosità che non aggiungerebbe nulla di magico al tutto...

La mia scrittura è incoerente...

Lei si contraddice in continuazione e sembra non crucciarsene troppo...

La mia scrittura sta là e non si impone...

Non viene a chiamare dando colpi sulla spalla o cacciando urla...

La mia scrittura grida forte per uscire...

Senza aver paura di essere criticata o gettata via in un cestino...

La mia scrittura si ribella e a volte mette il muso...

E non puoi farci nulla... C'è da attendere che si calmi o approfittare dell'impeto di rabbia...

La mia scrittura si scioglie al passaggio del vento...

Comincia a pensare ad altro... Si perde...

La mia scrittura ha bisogno di suoni...

Si appiccica alla musica come un bimbo alla tetta...

La mia scrittura è un bimbo...

Un bimbo cattivo che vive la paura di quel proiettile che l'ha risparmiato e che vaga nell'attesa del rimbalzo giusto...

Quel rimbalzo che potrebbe estinguerla per sempre e che la fa vivere alla giornata, come se ogni lettera fosse l'ultima...

La mia scrittura si inchina e ringrazia...

Sempre!
Per aria Child in Time - Deep Purple

5 commenti:

  1. ...e tanto di cappello alla tua scrittura! :)

    RispondiElimina
  2. ringrazia e viene ringraziata
    un post bellissimo!
    baci

    RispondiElimina
  3. la tua scrittura è la maglietta strappata di lato, un pò macchiata dal tempo e pure da qualche roba che ti sei mangiato, che sempre conservi nell'armadio.
    E che non disdegni di indossare.

    RispondiElimina
  4. Ha il naturale entusiasmo di una rincorsa necessaria verso...
    qualcosa che urge, qualcosa che bussa: di solito qualcosa di bello

    RispondiElimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto