mercoledì 18 aprile 2012

La Cognizione del Dolore

Arriva lentamente...

Quasi piacevole...

(Come un prurito leggero da grattare col polpastrello)

Prende forma...

Comincia ad affondare la sua forza...

(Senti di dover cominciare a scomodare le tue unghie)

E poi si insinua...

Va a disturbare inesorabilmente ogni senso...

La percezione che dà di sè è sgradevole...

Ma prendi tempo...

Non te ne curi...

Pensi ad altro...

(Sotto le unghie noti la presenza di un rossore)

Prende la parola...

Si attacca alle pareti dei tuoi sensi...

"Ti ho conquistato" dice ridendo di gusto...

E ti accorgi che è troppo tardi...

Gridi aiuto...

Senti di non potercela fare...

(Le mani sono completamente ricoperte di sangue)

Come in un volo a precipitare...

Preghi per morire prima possibile...

Per non sentire più...

Sprofondi rorido...

Con i dubbi fugati...

E la cognizione sempre più violenta di non essere in grado di batterlo con i tuoi mezzi...

Come quando sai che c'è una soluzione...

...Ma che ti manca il pezzo di raccordo per raggiungerla...

(Il sangue si è rappreso lungo i gomiti e a scrostarlo zampilla ancora rosso fuoco)
Per aria La Cognizione del Dolore - Marlene Kuntz

6 commenti:

  1. Com'è che gli lasciamo prendere parola e fare quel vuole? Uff..ci fosse un trucco per fronteggiarlo io vorrei conoscerlo!!

    RispondiElimina
  2. sempre difficile far fronte al dolore, specie a quello mentale... ma sono fiduciosa... i modi per affrontarlo ci sono anche se a volte trovarli da soli è complicato...

    RispondiElimina
  3. Poesia per lui. Il dolore. Dominatore
    baci

    RispondiElimina
  4. il dolore è parte integrante della vita
    sopportarne il peso è difficile, ha un sapore amaro, a volte ti sembra di non poterlo contenere, che scoppi dentro senza riuscire a trovare una via d'uscita...

    ... ma non è mai assoluto, totale, anche nel dolore infine che spesso "è anche un insegnamento, una prova" risciamo sempre infine ad intravedere un di luce e riemergere.

    RispondiElimina
  5. La cosa più bastarda del dolore è che va a braccetto con il tempo, insieme sono qualcosa di insopportabile.

    RispondiElimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto