martedì 6 marzo 2012

Rani & Co.

venerdì, 20 agosto 2010, ore 08:56
Fuori le condizioni del tempo non erano quelle che ti spingono a scorrazzare allegramente all'aria aperta...

Non ricordo bene se piovesse o fosse solo troppo caldo...

Ricordo che i miei occhi erano stanchi ma che non avevo certo voglia di chiudermi da solo nella mia stanza per riposare un pochino...

Quando sai di avere poco tempo per succhiare ad ogni singolo attimo la sua essenza senti che dormire è solo una scellerata perdita di tempo...
(foto di qwe)

C'era un film di Bollywood alla tivvù...

Entro in quella grande stanza buia se non per quella scatola ripiena di suoni e colori che aveva in quel momento il potere di attirare tutti quegli occhi belli a sè...

Devo ammettere che un piccolo moto di gelosia mi ha cominciato a prendere le rughe...

Ma come?

Io, l'extraterrestre col viso pallido non sono più il vostro diversivo preferito?

Qualcuno si gira...

Mi sorride...

Ma rimane con la coda dell'occhio appiccicato a quella storia e a quei dialoghi che a me sfuggono pur cominciando ad avere un suono particolarmente familiare...

"Ehi grazie!"

Rani prende una sedia e mi invita a spostare il fondoschiena da terra...

Lo fanno sempre...

Per quanto io voglia fargli capire che non voglio favoritismi...

Sono tutti seduti o stesi a terra e a me danno una sedia...

Mangiano tutti colle mani e a me fanno trovare le posate...

E ci rimangono anche un po' male se rifiuto...

Ma stavolta ho rifiutato... Si si...

"No problem Rani... It's Ok"

"Ssshhhhh"

E si qualcuno si stranisce...

Sto disturbando...

Ahahahahah mi sento un po' coglione...

Un po' più del solito...

Rani mi guarda circospetta ma poi viene attratta di nuovo a sè da quel film...

Fagocitata.

Piano piano nessuno si gira più...

Sanno che sono là con loro e sanno che dopo potranno parlare con me delle scene più belle...

Io vengo avvolto da quei balli e da quelle canzoni che devo aver già sentito da qualche parte...

Ogni tanto perdo il controllo e mi addormento un attimino accorgendomi di fare la pendola e scoprendo stupito che non sto sul divano di casa mia a guardarmi il gran premio...

Ma sapete qual è la cosa bella di certi film?

La cosa bella di certi film è che quando finiscono fuori smette di piovere oppure la canicola perde forza (adesso non ricordo bene in questo caso quale delle due cose) e allora si può tornare fuori a giocare e a correre...

E naturalmente a cantare e a ballare quella canzone che...

Cazzarola!

Ecco dove l'avevo sentita!
Per aria Katti Kalandal - Mr. Manu and Ms. Chitra

7 commenti:

  1. passo per un saluto e un abbraccio...

    RispondiElimina
  2. Questa scena della tv e di te che entri nello stanzone con solo qualche sguardo provvisorio mi ha dato un grande senso di soliitudine.
    P.S. - Perché non togli anche tu la verifica parole che crea difficoltà ai visitatori?. A volte bisogna riscrivere le parole più volte perché si leggono malissimo. Ora blogger è molto selettivo con lo spam. Quasi tutti stanno togliendo il captcha.

    RispondiElimina
  3. ciao Onda...

    Ambra... mi spiace di non esser riuscito a far capire che quello che ho provato nella profondità è qualsiasi cosa tranne che la solitudine... ma un momento di intimo abbraccio con chi non ti considera più un extraterrestre piombato da chissà dove ma uno di famiglia... e con uno di famiglia quando alla tivvù danno un classicone di bollywood si sta in silenzio... :-)
    P.S. ho provato a togliere... dimmi se va...

    RispondiElimina
  4. ... ed allora ogni attimo infinitesimo, lo vuoi assaporare con tutte le tue forze.

    splendido :)
    un abbraccio e un sorriso

    RispondiElimina
  5. E poi ne avete parlato? Alcuni film uniscono, perchè cacciano le sensazioni e ci si ritrova tutti insieme a condividerle. un saluto

    RispondiElimina
  6. albafucens... se riuscissimo a portarci dietro anche sta voglia pazzesca di non perdere nulla sarebbe il non plus ultra del godimento....

    Maraptica... il parlarne quando due lingue lontanissime si incontrano e l'inglese è quello della sopravvivenza nude e cruda è fatto di gesti, balli e canti... e ti assicuro che... cazzarola!... le parole servono a poco.

    RispondiElimina
  7. Ma per le sensazioni non ci serve parola alcuna!

    RispondiElimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto