giovedì 1 marzo 2012

io ricordo...

Ricordo quel viso...

...e ricordo quel modo tutto suo di dargli espressione.

Ricordo quelle mani...

... e ricordo quel continuo cercare di staccare le pellicine vicino all'unghia facendo passar sopra il dorso del dito vicino.

Ricordo quel tono di voce...

...e ricordo quei colpetti di tosse per attirare l'attenzione e schiarire la voce...

E ricordo un giorno in particolare...
- - -
Esistono giorni che nascono e muoiono senza lasciar traccia...

Giorni fatti apposta per far numero.

Materiali grezzi per far crescere l'età.

Quando sei a cavallo di uno di questi giorni inutili ogni tanto ci pensi.

...E pensi al modo per dar loro una possibilità per farli uscire dal limbo...

Una possibilità per elevarli al rango di quei giorni che si ricordano.

Cominci a scervellarti...

...E quando proprio non sai come fare dai libertà all'istinto e al destino...

Infili le scarpe, metti qualcosa addosso ed esci fuori dal tuo nido.

E cammini.

Guardi in faccia... Dritto in faccia tutti quelli che ti passano davanti...

...Tutti quelli che sarebbero rimasti chissà dove se non avessi scelto di andare a cercarli...

E già così senti che qualcosa sei riuscito a cambiare.

Ma non ti basta...

Vuoi di più...

Hai bisogno di un contatto più completo.

Chiudi gli occhi.

Ti siedi in terra.

E aspetti.

Qualcuno si fermerà.

Qualcuno cercherà di capire se ho bisogno di qualcosa.
 
- - -

Ricordo che lo vidi in terra...

Sembrava recitasse...

Sembrava uno di quei classici modi che aveva per cambiare il flusso del tempo...

...E ricordo che mi guardava fisso, quasi si ricordasse di me...

Però non cambiava espressione.

Ricordo che ad un certo punto il suo sguardo si posò sulle mie mani...

...E ricordo che i suoi occhi si bagnarono...

Sembrava commosso.

Ricordo che provai a parlargli...

...E ricordo che la sua espressione si fece calda...

Ricordo che sentii un rumore sordo alle mie spalle...

Mi girai per controllare cosa fosse...

Ma quando i miei occhi tornarano da lui non lo trovarono più...

Era sparito...

Ancora. Per aria

4 commenti:

  1. "Lui"...che manca( ...che a volte cerco anch'io)
    Mrs QT (ascolta e non ha troppa voglia di "commentare")

    RispondiElimina
  2. il mettersi in ascolto è il commento migliore :-)

    RispondiElimina
  3. oggi sembra uno di quei giorni...really..eppur mi va solo di lasciarlo scorrere, non ho voglia di cambiarne le dinamiche..

    RispondiElimina
  4. I ricordi ci scorrono davanti come al cinema, a guardare
    vecchi film. Il passato, incancellabile, spesso amaro, è l'unica certezza che in alcune strane giornate ci ricorda del vivere.
    Lieta sera
    Gina

    RispondiElimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto