mercoledì 21 marzo 2012

Ad Ale...

In certi ritmi bisogna entrarci...
Senza titubanze...
Senza lasciare fuori nulla...
Bisogna affidarsi...
...Affidarsi completamente...
Occorre pensarci bene prima di farsi prendere da certi ritmi...
Meglio attendere e valutare...
Capire se c'è la sicurezza di un appiglio per uscirne alla svelta in caso di pericolo...
Mai fidarsi...
...Mai fidarsi completamente...
E' un po' come quando incontri uno che parla straniero...
Che ti invita a danzare sulle sue corde...
E non potrai mai sapere cosa ti perdi rinunciando...
...Facendo la faccia tipica di chi sta per essere fottuto ma che...
Bisogna fare molta attenzione a chi non si capisce appieno...
Soprattutto se usa modi gentili per adescarti...
Il pensiero di trovarti chissà dove e conciato come...
...Ti ispira sollievo anche se...
In fondo è questione di scelte...
Che magari non fai...
Perchè non sei pronto...
Perchè non ti conosci...
E quel mostrarti pavido è solo una difesa...
Di quelle che...
"meglio pararsi il culo che..."
"... prenderlo al culo per spavalderia!"
Perchè per quanto tu possa incrociare le gambe e respirare...
Mai potrai trovare la chiave di lettura giusta per ogni occasione...
Devi difenderti...
Sventare...
Arrivare con meno danni possibile...
Ma a te non viene mai voglia di scoprire...
...Cosa succederebbe se ti lasciassi andare...
Per una volta...
Una volta sola...
...Al ritmo...
Ma non la senti la pace che c'è là dentro?
Ma non li vedi che occhi meravigliosi ti stanno invitando?
Ma hai finito di guardarti le spalle?
Ma...
Ma sei sicuro che non succede niente di brutto?
Mi tieni per mano?
Per aria Tune Mere Jana

13 commenti:

  1. Grande problema, io se mi fido mi fido al 100%, e forse non va bene, ma in fondo in fondo io ci spero sempre!

    RispondiElimina
  2. che poi è quando entrano in gioco i calcoli che si sbaglia sempre... na?

    RispondiElimina
  3. Meglio lasciarsi trasportare dall'ispirazione come faccio io :D
    A volte va davvero benissimo :)
    anche se mi han fatto notare che può succedere il contrario di tanto in tanto (dai..no..nn può essere vero o.o)

    RispondiElimina
  4. Valentì... te sei bella così... e i capitomboli fanno comunque brodo... e quando capita... ricorda di fare una foto anche a loro...

    RispondiElimina
  5. Il contrasto fra due estremi crea inquietudine, incertezza e la scelta fra le due posizioni è sempre penosa.

    RispondiElimina
  6. la catena che ci attanaglia è proprio questa, carissima Ambra, dover scegliere prima di provare... e a volte è proprio la scelta della rinuncia che ci fa perdere occasioni importanti!

    RispondiElimina
  7. Io non mi faccio conti, che se ci provo a programmare un comportamento poi va sempre, esattamente, al contrario... Per cui vada come vada, che la vita evolva un pò come vuole.

    RispondiElimina
  8. .. io tendo sempre ad af-fidarmi mi sa troppo, e spesso poi rimango scottata e un po' ciancicata.. tutta stropicciata

    Ma qualcuno non ricordo ora non ricordo chi però, ha detto qualcosa del tipo "porto addosso le ferite di tutte le battaglie che ho evitato"

    beh, forse anche se fa male, io preferisco portare addosso le ferite di quelle che ho affrontato, vissuto, che a volte ti hanno anche graffiata nel pronfondo, altrimenti poi corri il rischio di stare lì a chiederti, tormentarti con la catena dei sè... e forse è peggio.

    le cose dice bene Maraptica, spesso seguno un loro corso...

    molto bello questo post
    e questa musica in sottofondo poi è così struggente e bella

    un abraccio

    RispondiElimina
  9. è difficile che blocchi l'istinto. mi fido quasi sempre. mi lascio andare. e spesso picchio delle capocciate incredibili! però se non lo facessi non sarei me stessa. :)

    RispondiElimina
  10. Purtroppo sono le botte ricevute da coloro di cui ci siamo fidati un po' troppo a renderci così miserevolmente guardinghi. L'amore è proprio lasciarsi andare inermi, e vale anche nell'amicizia.

    RispondiElimina
  11. Preferisco fidarmi. Sempre.

    RispondiElimina
  12. albafucens... è tutto molto bello e forte quello che scrivi... ci vuole un coraggio della malora...

    lauramentre... e vai coi bernoccoli!!

    Domenica Luise... Vale per tutto...

    Linda... prima di potersi fidare tocca buttasse... sennò come si fa?

    RispondiElimina
  13. Sì è come dici, ci vuole un coraggio della malora
    ma non è che ti viene tutto insieme, eh :) anzi all'inizio tentenni, il coraggio lo trovi e aumenta pian pianino strada facendo

    "Se fai finta di niente, non saprai mai che cosa sarebbe potuto succedere, e per molti versi questo è peggio che scoprire di esserti sbagliata sin dall'inizio. Perchè dopo uno sbaglio puoi continuare a vivere, ma se non altro non hai il rimpianto di non sapere come sarebbe potuta andare."
    ~ Nicholas Sparks ~ "Le parole che non ti ho detto"

    Ed io in realtà dietro le spalle sai.. ho continuato a guardarmi fino a pochissimo tempo fa, e ancora celo, per proteggere come facciamo tutti la nostra vulnerabilità, fragilità, ma al contempo ho deciso che forse è arrivato il momento di imparare anche a lasciarsi andare e seguire il ritmo.. e speriamo che me la cavo :)

    RispondiElimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto