venerdì 9 marzo 2012

Meno di mezzo minuto

E' vero, amico mio...

Ci siamo lasciati prendere...

Rigirare e vincere...

Ci siamo lasciati portare...

Affidati a quella forza vuota che è il destino a cui ci sentiamo legati...

Noi!

Appartenenti ad un mondo invincibile...

Che andiamo, prendiamo e buttiamo via...

Noi!

Che torniamo a sera comunque scontentati...

...Manchevoli...

Stanchi.

E' vero, amico mio...

Noi dobbiamo dirottare le nostre strade segnate...

(Da che cosa? Chissà?)

E muovere verso quel tempo nascosto ai nostri occhi...

Che ci sorprende fermi suoi nostri passi mentre scorre deluso...

Incapace di farsi notare...

Incapace di rendersi utile.

Eppure, amico mio...

I nostri sensi si sono poggiati così tante volte su di lui...

Ne hanno sentito l'odore...

Ed il calore...

Ne hanno sentito i battiti...

Gli hanno fatto promesse.

Ma è bastato sentirci autonomi per perderne l'essenza...

E' bastato scostarci di un poco per dimenticare il senso di pienezza che ci dava...

Come se avessimo portato via il corpo e il cervello...

...Lasciando là, poggiata sopra di lui, l'anima.

E' vero, amico mio

Non basta conoscere e toccare con mano...

Siamo troppo rivolti alla superficie...

Troppo proiettati a sembrare...

A dimostrare quello che, per presunzione nostra, là fuori non potranno mai capire...

E ci zittiamo di fronte al primo dubbio...

...Senza combattere...

Senza difendere quegli attimi di vita che gelosamente custodiamo...

Che gelosamente nascondiamo e continuiamo a nascondere anche a noi stessi...

E' vero, amico mio...

Quel passo che manca è nei nostri piedi...

Aspettare ancora è diabolico.

Potrebbe finire il mondo in meno di mezzo minuto...

Potremmo finire le batterie...

Lasciando nascosto, incatenato, in una nuvola di fumo il dono che ci è stato affidato per essere mostrato al mondo...
 
Per aria 27 Secondi - Nuove Tribù Zulu feat.MC Shark

4 commenti:

  1. L'avevi inserito nel vecchio blog vero?
    Ricordo queste parole e ricordo di averle lette da te.
    Mi piacciono. Voglio trovare quel passo nei miei piedi.

    RispondiElimina
  2. dovrei aver paura del mio immobilismo ma la speranza che è racchiusa in questa parole la vince.

    RispondiElimina
  3. Io sto andando, so che è la mia strada, non so dove mi porterà, ma il paesaggio ai lati è buono (specie se ci trovo parole come queste tue)
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. una lunga poesia... eppure, l'emozione via via si concentra. Le parole scorrono e il significato si condensa...
    e infine
    un soffio

    RispondiElimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto