giovedì 19 gennaio 2012

Vogliamo dare una mano all'uomo a restarsene umano?

A volte bisogna insistere...

A volte bisogna davvero tentarle tutte per fare in modo che quella terribile piaga dell'indifferenza ci avviluppi e ci riduca in nullità inesorabilmente.

L'uomo ha bisogno di proteggere l'uomo...

Di proteggerlo dall'uomo stesso...

L'uomo ha bisogno di conoscere.

Di capire.

Io voglio insistere.

Io voglio chiedere incessamente aiuto.

E voglio farlo cercando di fare in modo che l'opera e la parola di chi ha messo le mani nell'ingiustizia sia conosciuta da più gente possibile.

E' l'unica possibilità che abbiamo per evitare la trasformazione dell'uomo in qualcosa che sia il suo esatto contrario.

Sto seguendo dal primo momento questa idea e questo progetto.

Ho trovato assolutamente geniale lo strumento scelto.

E puro il modo in cui si vuole arrivare all'obbiettivo.

Parlo del Reading Movie Restiamo Umani.

Un film che si sta realizzando attorno al libro scritto da Vittorio Arrigoni.

Un film che si sta realizzando grazie al contributo di gente comune.

Come me.

Come te che ora sei inciampato in queste pagine.

Un film nel quale avremo l'onore di essere ricordati come produttori acquistando a prezzo irrisorio una o più quote.

Un film. Quanta gente frettolosa potrà conoscere?

Quelle parole scritte nel bel mezzo di uno scempio, delle quali abbiamo paura e che distanziamo da noi affrancandole come favolette di un mondo che non ci tocca...

Io credo sia questo il sogno che aveva Vittorio.

Combattere l'ingiustizia senz'armi.

Attraverso la continua scoperta dei fatti.

Attraverso la messa a nudo della verità.

Attraverso il racconto di quanto visto e vissuto.

Quello che chi ci manipola e ci vuole rendere tutti simili a robot ci nasconde ogni giorno.

Io vi invito con tutto il cuore di andare a visitare il progetto.

Io vi invito a partecipare alla produzione attraverso l'acquisto di almeno una quota.

Andate su  http://www.restiamoumani.com/, leggete, informatevi e poi agite.

Per chiudere volevo farvi ascoltare direttamente dalle parole di Alessandra Arrigoni l'invito più bello e più dolce che esista per far sbocciare definitivamente questo progetto.

(l'audio non è il massimo, quindi mettete in pausa il lettore che trovate sulla destra)

6 commenti:

  1. Credo che oggi come oggi, l'Uomo debba scappare dall'Uomo. Stiamo diventanto sempre più sporchi e corrotti. Non so fino a che punto sia possibile salvarci!

    RispondiElimina
  2. Io non condivido.

    Dopo svariate migliaia di anni, in cui siamo aumentati all'impazzata, qualcuno ancora crede al sogno bianco & rosa che ci terremo tutti per mano.

    Ho brutte notizie per voi. Non è avvenuto quando c'erano poche tribù, non avverrà più avanti.
    Fino a quando una sola persona vorrà qualcosa che non può avere, ci sarà una ragione per combattere.
    Aggiungete piaghe come religione, rancori ancestrali, odi razziali...

    Il buon senso. Usatelo.

    RispondiElimina
  3. beh si certo...
    sto mondo fa schifo e qualsiasi ricerca della soluzione potrebbe essere considerata tempo perso...
    però ogni singolo individuo combatte con i propri mostri e con i propri sogni...
    e soprattutto i sogni hanno la dignità di starsene al posto loro... puri...
    e per quanto possa sembrare utopia hanno il diritto di essere rincorsi...
    E poi un sogno l'ho realizzato già qua dentro...
    Sentire le ragioni di chi non condivide e che invece di passare, scrollare la testa e prendermi per coglione, senza dire nulla, ha condiviso il proprio pensiero...
    Quanto al buon senso...
    Credo sia concetto di difficile comprensione...
    Non riesco ad usare cose che non conosco...
    Rischio di farmi più male...

    RispondiElimina
  4. @Valeren: tu hai ragione, l'odio il senso di sopraffazione di un popolo su un altro, di un genere sull'altro, è sempre esistito e sempre ci sarà (fa parte della natura umana). Constatato ciò, avendone preso atto, che si fa? Si segue l'onda e quindi ci si adegua imbracciando un fucile e coprendosi il capo con un elmo... Ci si ribella, seminando anche un solo seme di pace nel proprio orticello, non dico in quello del tuo vicino... Oppure si resta indifferenti a tutto ciò, in balia di quel che sarà?

    RispondiElimina
  5. vieni da me che c'è una mini sorpresa per te!

    RispondiElimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto