lunedì 19 dicembre 2011

Boh?

Pura e semplice confusione...

Un colpo preso in testa...

Tra il collo e il cranio...

Dimentico di quello che è successo fino al preciso istante in cui...

E ora?

Dove sono ora?

Cosa ci faccio qui?

Come cazzo mi chiamo???

Un attimo...

Aspetta un momento solo...

Ho bisogno di respirare...

Di capire...

Prendi fiato anche tu...

Non si dà un colpo di grazia arrancando sulle gambe e con il respiro affannato...

Rischi di mancarmi...

O di prendermi male...

Ecco!

Così...

Accenditi una sigaretta e lasciami a me stesso giusto il tempo per...

Capire.

Come sono arrivato qui?

Chi mi ci ha portato?

La vita è strana...

Combatti ogni giorno per raggiungere...

O ti lasci andare al tempo che passa...

Noia e voglia...

Un accavallarsi di emozioni...

Vibrazioni...

Sospiri...

E poi?

Fumane un'altra ti prego!

E poi?

Restare soli...

Completamente assenti...

Nella follia di un attimo senza passato e senza futuro...

In balìa di...

Di...

Ma chi cazzo è questo?

Ma che vuole...

Che vuoi???

Fammi vedere la tua faccia stronzo!

Togli quel velo!

Ho freddo...

Paura...

Incapace di reagire sbatto le braccia...

Colpiscimi adesso!

Dove sei??

Finiscimi!

E' insopportabile questa attesa fatta di nulla...

Solo...

Uno specchio in frantumi e quel velo caduto sui miei piedi...

Sperando sia solo un incubo...

Che svanisca...

Come stanno svanendo i miei sensi...

3 commenti:

  1. mi sono gustata ogni riga, ogni singola parola... non trovo una definizione per ciò che hai scritto e non voglio trovarla, non serve trovarla. è tutto qui, nel finto inchiostro di questa pagina e tra le sue righe... frammenti, sensazioni, attimi, desideri, paure, reazioni... c'è tutto e ancora di più in quello che sembra essere un dialogo tra sè e sè o tra sè e i propri spettri...
    molto, molto suggestivo...
    è come un cercare di guadagnare del tempo, forse perso, forse mai trovato, forse ancora da raggiungere...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  2. hai letto questo?

    http://lepersoneeladignita.corriere.it/2011/12/20/olimpiadi-2012-la-dow-chemical-non-esporra-il-suo-logo/

    RispondiElimina
  3. Trovo magnifica la tua forza espressiva dove la poesia e la prosa entrano ed escono spontaneamente l'una dall'altra come in una nuova moltiplicazione dei pani. Perché la parola, quando è così essenziale e vissuta, diventa pane indispensabile dell'anima. Ed è compassione, senza la quale l'uomo non esiste. Ti mando il mio indirizzo definitivo, dove un tecnico capace ha trasferito i miei blog al completo, commenti compresi: http://usignolamimma.wordpress.com/
    E corro subito a linkarti.

    RispondiElimina

il tuo commento è molto più importante di quello che hai appena letto